VOCI DALLA NAJA
 
L'Art. Angelo, militò nella  18^ batteria del Gruppo Udine del 5°/87 in quel di Tolmezzo - Caserma Cantore sotto la guida del Colonnello Strata e del comandante di batteria ten. Antonino Inturri. Ricordando sempre tutti i fatti e gli amici di naja ha ideato e scritto una splendida poesia dedicandola a tutti gli alpini ed artiglieri da montagna.
Sono lieto di pubblicarla con la splendida immagine dell'epoca, che immortala la mitica 18^ Batteria durante un escursione invernale!

I ma messo nei Alpini me toca partir
quando i ma ciamà me vegnuo da dir

no te immagini cosa te aspeta dove i te manda
solo ci in casa i gà sa na pena nera i conose l’anda

e alora Via con na borseta e tanta sodisfasion
te entri de na trupa de maestosa tradision

i Veci i dise che Alpin se nàse no se diventa
come averghe na mission sa scrita che no se inventa

ala prima occasion che el capel con la pena te ghe in testa
te senti un colpo al cor che par sempre in mente el resta

e da quel giorno se capise tuto batendo el piè partera
te disi Signorsì son pronto par la guera

na guera no de conquista ma de fede e de umiltà
par quei che ghe nà bisogno con forsa e volontà

sensa guadagno sensa tornaconto e sensa vanti
ma con la cesta piena par quando “andemo avanti”
Esser alpin
L'immagine immortala la 18^ batteria in marcia durante un campo invernale nel 1988, con il nostro artigliere Angelo di Verona autore di questa splendida poesia alpina: capace di sintetizzare l'essenza dell'alpinità a 360°.
Grazie Art. Angelo  5° SC 1987.

Forza Udin: tire e tas