AMARCORD "LA CARTOLINA ROSSA"
L'art. Fabrizio del 8° sc. '88 della 34^ Batteria Caserma "Cantore" di Tolmezzo (UD), ha messo a disposizione uno stralcio della Cartolina Rossa datagli al congedo. Per gli artiglieri che ricevevano la cartolina si prospettava un possibile, potenziale richiamo alle armi, nei successivi 5 anni dopo il congedo illimitato.
Potevano quindi esser soggetti nuovamente a disciplina degli obblighi militari. Nel caso specifico del "Gruppo Udine": il 4° Corpo d' Armata Alpino poteva decidere di richiamare per aggiornamenti o addestramenti, quegli artiglieri che nel periodo di leva: svolgevano incarichi generalmente importanti, operativi ai fini tecnico, logistico, operativo, ma non solo............
L'unità aveva il compito di studiare e garantirsi un quantitativo (numerico) di artiglieri, ufficiali e sott.ufficiali, che garantissero in modo omogeneo ed equilibrato, una copertura degli incarichi in caso di richiamo alle armi.
Lo scopo era quello di poter riavere in caso di necessità impellenti (ad. es. causa conflitto bellico), il personale sufficientemente aggiornato ed addestrato; in modo che il reparto potesse esser immediatamente operativo.
Terminati i 5 anni il valore della cartolina decadeva e deveva esser stacciata.
Notizia pubblicata il: 16/03/2008