La De Gasperi dalla strada per Vacile
I palazzoni che ospitavano le Batterie
Il cancello d'ingresso della "De Gasperi" (oggi)
Scorcio della caserma vista dalla carraia
La nostra cara caserma "De Gasperi" di Vacile, casa degli artiglieri del Gruppo Udine (in coabitazione con gli alpini del Battaglione logistico Julia); è dal febbraio 2002 che ha chiuso i battenti. Sono trascorsi ormai quasi 4 anni! L'ex struttura militare passerà dallo Stato alla Regione Friuli e successivamente al comune di Spilimbergo.
Serve quindi elaborare un progetto di riqualificazione ad uso civile dell'immobile.
Se ne parla da tempo, tanto che l'amministrazione comunale ha già ipotizzato alcune possibili direttrici per valorizzare la serie di immobili dell'ex caserma, puntando l'attenzione sui capannoni, le palazzine, gli impianti sportivi, sul patrimonio idrico.
Una volta riorganizzato il tutto, la De Gasperi potrebbe ospitare un polo universitario, o per lo meno una sede distaccata di studi universitari. Una sede funzionale ad  esempio, per dare continuità al percorso didattico delle attività dell' Istituto Tecnico Agrario di Spilimbergo, portandolo sino alla laurea in Scienze Agrarie.
Questa ipotesi di riqualificazione, porterebbe senza dubbio degli effetti positivi sul territorio Spilimberghese, oltre che alla zona Pedemontana. E' una proposta da valutare molto concretamente.
Nel ventaglio delle altre proposte per il riutilizzo della caserma di Vacile, spunta anche quella di creare un sito che diventi un polo logistico pubblico-privato.
In concreto, una iniziativa capace di assicurare il soddisfacimento di bisogni sentiti dalle industrie e dalle attività commerciali della zona; nonchè in grado di creare nuovi posti di lavoro.
Questo anche perchè, l'amministrazione comunale aveva investito non poco negli ultimi anni di attività della caserma: realizzando parcheggi, il depuratore ed i collegamenti fognari. Onde evitare che ciò diventi uno spreco di risorse pubbliche, anche questa opzione rappresenta una grossa opportunità!
Finchè però la nostra amata caserma non passerà sotto la giurisdizione comunale, questa rimarrà chiusa. Sperando che il degrado non incomba su di essa noi, artiglieri possiamo solamente sperare che sotto qualche forma, quella che fu la nostra Casa, possa rimanere ricordata: per quello che durante la sua attività ha saputo dare, (congiuntamente al personale militare operante) nei confronti della nostra Patria, al Spilimberghese, agli artiglieri ed alpini tutti!!!
Vi propongo almeno una targa commemorativa all'ingresso della struttura nuova che verrà!!!  ---Srivetemi e fate la Vostra proposta, poi vedremo il da farsi---  Mandi mandi!!!!!
Clicca le immagini per ingrandirle
Notizia pubblicata il: 16/07/2006